Angela Baraldi | Solo una terapia: dai CCCP all’estinzione
352
single,single-portfolio_page,postid-352,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.4.3,vc_responsive
 

Solo una terapia: dai CCCP all’estinzione

About This Project

La prima volta che ho conosciuto Angela, era il 1984. Anno Orwelliano per eccellenza: la DDR stava rinforzando il Muro di Berlino, Cernenko succedeva ad Andropov alla guida dell’Impero Sovietico, io ero a Bologna con i CCCP a registare il nostro primo 45 giri, Ortodossia. Angela era in studio, amica di amici. Due parole, un paio di sguardi. Orecchie attente.

La seconda volta era venticinque anni dopo. 2009: il Muro caduto da venti anni, l’Impero russo disgregato, io sono ancora lì che ho voglia di suonare, e delle tre questa era la cosa più impensabile. Il luogo è sempre Bologna; perchè Angela è di Bologna, ovviamente, anzi, lei è Bologna al 100%. La parte che ci piace di Bologna, quella che non si è messa le scarpe comode e la sera di Capodanno non va ad applaudire quelli di X Factor in Piazza Maggiore. Bologna dunque; anzi, Teatri di Vita, altro nome non casuale. Come da ogni cosa viva nascono altre cose vive, così la canzone appena composta per il film di Adriatico e Corbelli (“9 ore”, la canzone; “+ o – il sesso confuso”, il film) non ho neanche finito di scriverla che già pensiamo che dovrebbe essere proprio Angela a cantarla. Così ci riconosciamo ancora, in casualità pura, ci troviamo a lavorare e senza tante premeditazioni e indagini di mercato sono già chiare 2 cose:

1 – non finisce lì, con quella canzone

2 – abbiamo entrambi bisogno urgente di una qualche terapia

Così ecco qua la nostra terapia: una dose di CCCP, un tot di CSI, e canzoni soliste quanto basta a due ore di concerto elettrico, che un po’ tira verso la paranoia veloce, un po’ verso l’atmosfera di languore. Punk d’autore, insomma. Chitarre e chitarre, una gran voce di donna, calda e nervosa, che per fortuna non si sa trattenere. Nessuna retromarcia. Nessuna nostalgia: sentimento che si deve riservare solo a ciò che non sarà mai. Soltanto una cura; una buona cura, sopra e sotto il palco. Giusto per ricordare e ricordarsi che vivere si può, anzi si deve, nonostante le asperità del periodo e il cedere facile alla malinconia che ne consegue.

Proprio domani comincia il tour, partendo dalla terra che ha causato la nascita di quelle paranoie e quei languori, trasformati in canzoni. Canzoni che quando le canti e suoni mi sembrano ancora forti e leggere, e non hanno finito di significare. E che intanto – questo non lo potevamo davvero prevedere – da quel 1984 lontanissimo sono diventate patrimonio nazionale per la parte sana della Nazione.

Buona terapia a tutti. Sarà bello ritrovarsi.

Tracce:

1-Emilia Paranoica
2-Da solo
3-Quando se non ora
4-Allarme
5-Del Mondo
6-Nove ore
7-A ritroso
8-Mi ami?
9-Io sto bene
10-Cupe vampe
11-Annarella
12-Curami
13-M’importa ‘na sega

Category
Musica